Passa ai contenuti principali

“Brancaleone”: il bruscellino come si faceva nelle aie

“Brancaleone”: il bruscellino come si faceva nelle aie
Domenica 15 settembre torna la rappresentazione itinerante a cura della Compagnia Popolare del bruscello


Montepulciano Domenica 15 settembre lungo le strade di Montepulciano torna il Bruscellino, uno spettacolo itinerante realizzato dalla Compagnia Popolare del Bruscello che allieta visitatori e passanti in una versione più simile a quella della tradizione contadina, accompagnato soltanto da una fisarmonica. L’appuntamento con “Brancaleone” è per le ore 17 in Piazza Grande, ore 18 in Piazza delle Erbe e infine alle ore 18:30 davanti alla Torre di Pulcinella.

Il bruscellino itinerante richiama il periodo in cui il Bruscello veniva fatto nelle aie dei poderi della mezzadria, all’ombra di un arboscello o nei mercati paesani durante le sagre della civiltà contadina della Valdichiana. Un rimando diretto a quella tradizione da cui è nato il Bruscello come lo conosciamo oggi, una grande rappresentazione che nei giorni di Ferragosto viene messa in scena sul sagrato del Duomo di Montepulciano con centinaia di bruscellanti e l’accompagnamento dell’orchestra.

Nella giornata di domenica 15 settembre il bruscellino dedicato a “Brancaleone” con il
coordinamento artistico di Franco Romani vedrà la compagnia formata da Stefano Bernardini, Franco Capitini, Andrea Paolessi, Leonardo Roghi, Claudio Bernetti, Paolo Parissi, Marco Banini, Stefano Banini, Elisabetta Canapini, Sabrina Dottori, Chiara Scannapieco, Roberto De Pascali, Alessandro Zazzaretta, Dino Protasi, Chiara Protasi ed Emanuela Rossi cimentarsi in questa rappresentazione lungo le vie di Montepulciano, accompagnati dalla fisarmonica di Gianluca Stocchi.

La trama del bruscellino è ispirata ai due film diretti da Mario Monicelli (L’armata Brancaleone, 1966, e Brancaleone alle Crociate, 1970). In sella a un ronzino, Brancaleone da Norcia, cavaliere fanfarone e dai pochi meriti, guida un’improbabile “armata” di miserabili nella guerra contro gli infedeli. Sulla strada vivranno mille peripezie, si uniranno alla combriccola anche lo spilorcio ebreo Abacucc, l’Infedele Bronzone, l’ambiguo cavaliere Teofilatto per finire con l’equivoco incontro con le sopravvissute sorelle appestate di un paese deserto pronto per essere conquistato dalla ridicola Armata. Un’avventura di salda presa comica in cui l’invenzione farsesca si mescola alla citazione colta come il personaggio memorabile alle capacità degli interpreti coinvolti.

Post popolari in questo blog

A Chianciano Terme torna l'improvvisazione teatrale di “Voci e Progetti”

A Chianciano Terme torna l'improvvisazione teatrale di “Voci e Progetti” Nuovo appuntamento per venerdì 6 settembre con il teatro di “Voci e Progetti” per la rassegna di eventi “Chianciano Terme da Vivere”

Chianciano Terme – Gli appuntamenti della settimana con la rassegna di eventi “Chianciano Terme da Vivere” rinnovano l'attenzione all'improvvisazione teatrale e all'intrattenimento musicale, grazie a una serie di iniziative che continueranno ad animare la cittadina termale fino alla fine della stagione turistica. Venerdì 6 settembre tornerà infatti il teatro dell'associazione “Voci e Progetti”,  mentre martedì 10 e giovedì 12 settembre, al salone Nervi del Parco Acquasanta, sarà la volta di due serate danzanti a ingresso libero con “Enzo e Paola” ed “Emanuele Fedeli”.
“Impro walk” è il nome dello spettacolo messo in scena da “Voci e Progetti” per la serata di venerdì 6 settembre, a partire dalle ore 21:15, in Piazza Italia e Viale Roma. Un percorso itinerante con qu…

Salci: il piccolo borgo morente che potrebbe tornare a nuova vita

Salci: il piccolo borgo morente che potrebbe tornare a nuova vita
Con un finanziamento del Mibac di circa 185 mila euro, sembra iniziare un percorso di recupero per questo borgo fortificato posto nel comune di Città della Pieve
Con un finanziamento di 185.550 euro, che il Mibac ha recentemente destinato al consolidamento e agli interventi antisismici da attuare sulla Chiesa di San Leonardo, per il piccolo borgo di Salci, posto nel comune di Città della Pieve, sembra davvero iniziare quel percorso di recupero che tutti auspicavano da tempo; in special modo i salcesi, ormai spagliati in tutto il mondo. Salci, infatti, è ormai un borgo completamente disabitato e i suoi abitanti si sono pian piano trasferiti altrove. Per vari motivi, tra cui antiche vicissitudini politiche, altre legate allo studio, al lavoro e al ricongiungimento con affetti lontani, molti abitanti di Salci si sono così ritrovati a condurre la loro esistenza lontano; ma tutti continuano a mantenere un legame affettivo fort…

A Chianciano Terme si balla con l'Orchestra Vincenzi

A Chianciano Terme si balla con l'Orchestra Vincenzi Nuovo appuntamento giovedì 5 settembre all'insegna della musica e del ballo per la rassegna “Chianciano Terme da Vivere”
Chianciano Terme – Non si ferma l'offerta estiva della rassegna di eventi “Chianciano Terme da Vivere” che ha già portato tante occasioni di musica, ballo e intrattenimento nella cittadina termale e che non terminerà ancora per molte settimane. I riflettori sono accesi sul grande appuntamento di giovedì 5 settembre alle ore 21:30, quando l'Orchestra Vincenzi si esibirà al Palamontepaschi per una serata all'insegna del ballo e della buona musica italiana. Per l'occasione l'ingresso sarà regolato da un biglietto di 10,00 €.
L'Orchestra Vincenzi da oltre quaranta anni è presente sui palcoscenici e le più importante piazze d'Italia. Le canzoni e lo spettacolo che presentano nascono dalla profonda passione per la musica e dalla celebre fisarmonica del maestro Alberto. Offrono un reperto…