Passa ai contenuti principali

Montepulciano mobilita le sue risorse artistiche per dire “no” alla violenza Due spettacoli, in quattro appuntamenti, per il Giorno della Memoria 2020 Tra musica e recitazione, il ricordo dell’inumano sterminio perpetrato dai nazisti

COMUNE DI MONTEPULCIANO
Provincia di Siena

COMUNICATO STAMPA

Montepulciano mobilita le sue risorse artistiche per dire “no” alla violenza
Due spettacoli, in quattro appuntamenti, per il Giorno della Memoria 2020
Tra musica e recitazione, il ricordo dell’inumano sterminio perpetrato dai nazisti

In linea con la sua vocazione, Montepulciano celebra il Giorno della Memoria con due spettacoli.

Domenica 26 gennaio, alle 16.30, all’Auditorium Falcone (ex-Tribunale), l’Istituto di Musica “Henze” presenta “Musiciste a Birkenau”.

Lunedì 27 (ovvero la giornata dedicata a livello mondiale alla commemorazione della shoah, nell’anniversario della liberazione del capo di concentramento di Auschwitz), il Piranha Social Club di Acquaviva ospiterà l’anteprima di “Voci alla memoria”; l’allestimento, nella versione integrale, sarà proposto venerdì 31 gennaio, alle 21.30, alla Sala Polivalente ex-Macelli, e sabato 1 febbraio, alle 21.30, presso la Sala parrocchiale della Chiesa di San Lorenzo, a Valiano.

Nel campo di concentramento di Birkenau c’era un’orchestra, un’orchestra interamente femminile: 47 musiciste, donne obbligate a studiare e ad esibirsi anche 17 ore al giorno. La perfidia nazista costringeva queste prigioniere a suonare affinché il luogo di morte e di sterminio apparisse come un ambiente prodigo di arte e cultura. E’ intorno a questo agghiacciante fatto storico che viene costruito lo spettacolo “Musiciste a Birkenau”.
Le componenti dell’orchestra dovevano eseguire melodie rassicuranti e cantabili, sia per sollazzare gli ufficiali criminali nazisti, sia per accogliere l’arrivo dei deportati che scendevano dai treni piombati, oppure per rasserenare i pazienti delle infermerie o i prigionieri che nello stesso giorno sarebbero stati giustiziati nelle camere a gas. È una vicenda forse poco nota, quella dell’orchestra del lager, ma che esprime tutta l’ignominia nazista.
Le sopravvissute all’Olocausto hanno avuto bisogno di tempo per elaborare il dramma vissuto, fino a propiziare la raccolta di memorie intitolata “Ad Auschwitz c’era un’orchestra”, pubblicata nel 1976 da Fania Goldstein, in arte Fénelon, pianista, compositrice e cantante francese, coinvolta in quell’esperienza profondamente indelebile.
Dalle pagine di quel libro nasce la performance “Musiciste a Birkenau” che celebra a Montepulciano il Giorno della Memoria 2020, con le letture affidate a tre giovani studentesse provenienti dai Licei Poliziani. Gli interventi musicali sono invece curati da Istituto di Musica Hans Werner Henze, in un programma che abbina temi della tradizione ebraica e brani effettivamente eseguiti dall’orchestra femminile di Birkenau.
Promossa da Fidapa Bolzano, l’iniziativa è realizzata in collaborazione con Anpi – Montepulciano, Amica Donna e Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, con il patrocinio del Comune di Montepulciano. Si tratta di un progetto ideato da Donatella Marcarino, già insegnante di materie umanistiche presso un istituto tecnico professionale, dopo aver conseguito la laurea in filosofia. Al coordinamento musicale hanno lavorato Catherine Bruni e Alessio Tiezzi.

Lo spettacolo "Voci alla memoria. Dalle testimonianze dei deportati agli atti dei processi ai nazisti” è organizzato con il patrocinio del Comune di Montepulciano, dell'Unione Comuni Valdichiana Senese e del Centro Pari Opportunità, in collaborazione con il Laboratorio Teatrale di Espressione Emozionale di ARTEdaPARTE, il gruppo teatrale FUC (FormareUnaCompagnia) di Carlo Pasquini e la Compagnia Popolare del Bruscello.
Nella versione integrale, lo spettacolo si compone di una serie di monologhi e dialoghi tratti dalle testimonianze vere dei deportati ebrei e dagli atti dei processi ai nazisti, accompagnati dai canti della tradizione Yiddish, in un adattamento teatrale inedito, con la direzione scenica di Ira Moering. Gli interpreti sono Chiara Protasi, Annamaria Amorosa, Marco Giannotti, Giulia Rossi, Emanuela Castiglionesi, Aurora Amirante, Federico Vulpetti, Fabio Amirante, Stefano Bernardini, M. Luisa De Curtis, Luca Amirante, Emma Bali, Damiano Belardi, Alessandra Guattari, Alessio Fanelli, Cristiana Bruni, Marco Vulpetti, Andrea Avignonesi.
Il racconto è affidato a Maria, un'anziana signora che ricorda i giorni della deportazione ad Auschwitz. Grazie alla sua narrazione, la paura, le violenze e la crudeltà di quei momenti prendono corpo e voce; dai rastrellamenti all’epilogo, i fatti sono visti attraverso gli occhi innocenti di lei bambina e dei suoi compagni di prigionia.
Il pianto disperato delle vittime, il freddo cinismo dei carcerieri, i suoni del terrore e della morte si fondono, nel ricordo di Maria, ai canti dolci e tristi delle donne del campo. Ripercorrendo le tappe di quel calvario, fino alle lunghe udienze dei processi ai nazisti, che sfileranno davanti al giudice senza rimorsi e senza vergogna, Maria alla fine getta uno sguardo sul presente e sul rischio sempre più alto, che quell'orrore ritorni.

                                    Ufficio Stampa

24 gennaio 2020

Post popolari in questo blog

I Licei Poliziani premiano le eccellenze

I Licei Poliziani premiano le eccellenze Durante l'evento di premiazione ai Licei Poliziani degli studenti usciti con il massimo dei voti è stata istituita una borsa di studio dedicata a Fernando Nicastro
LICEI POLIZIANI – Durante la mattina di sabato 18 gennaio si è svolto un evento di premiazione degli studenti usciti con il massimo dei voti nel corso del passato anno scolastico. Alla presenza del preside Marco Mosconi e del vicesindaco di Montepulciano Alice Raspanti, gli studenti dei Licei Poliziani hanno ricevuto gli attestati di merito relativi al superamento dell'esame di maturità.
Gli studenti che hanno superato l'esame con 100 e lode sono stati Alfea Renzini (classe 5AU), Giacomo Garavelli (5ABS) e Niccolò Picchiarelli (5ACS). Per quanto riguarda il liceo classico, gli studenti usciti con il punteggio di 100 sono stati invece Corso Durando, Giorgina Nardi e Giada Santini; per il liceo linguistico gli studenti Viola Biancolini, Agnese Bagnasacco, Rebecca Della Lena …

La Compagnia del Bucchero porta le sue “Vacanze Forzate” ai Concordi

La Compagnia del Bucchero porta le sue “Vacanze Forzate” ai Concordi Sabato 16 novembre appuntamento con una commedia brillante in tre atti al Teatro dei Concordi di Acquaviva

Montepulciano– Ricominciamo gli appuntamenti teatrali ad Acquaviva di Montepulciano, in attesa della stagione invernale che vedrà come al solito il Teatro dei Concordi protagonista, attraverso una serie di spettacoli divertenti per tutta la famiglia e il Festival Nazionale del Teatro Amatoriale, oltre alle tante iniziative che impegnano i laboratori destinati a bambini e ragazzi. Le iniziative organizzate dall’ASD “Il Fierale” ripartiranno sabato 16 novembre alle ore 21:15 con “Vacanze Forzate”, portata in scena dalla Compagnia Teatrale “Bucchero” di Bettolle.
“Vacanze Forzate” è una commedia brillante in tre atti di Antonella Zucchini, per la regia di Piero Baccheschi. L’ambientazione dello spettacolo ci farà immergere nei fantastici anni sessanta, quelli del boom economico, con due famiglie a confronto. Chi se lo…

AL TEATRO CIRO PINSUTI VA IN SCENA MOZART BAMBINO E PER LE FESTE ARRIVA ANCHE LA DANZA CON EDITH PIAF

TEATRO COMUNALE “CIRO PINSUTI” – SINALUNGA
AL TEATRO CIRO PINSUTI VA IN SCENA MOZART BAMBINO
E PER LE FESTE ARRIVA ANCHE LA DANZA CON EDITH PIAF

C’è un bambino di nomeMozart al Teatro Comunale “Ciro Pinsuti” di Sinalunga. Domenica (22 dicembre), alle ore 16, la stagione di teatro ragazzi propone AMADÈ. La vita suonata di Mozart bambino. L’attore e regista Massimo Bonechi, in scena con Andrea Anastasio e Tommaso Carovani, ci racconta, fra teatro e musica, la vita del piccolo genio. Uno spettacolo che fonde burattini e recitazione, sempre accompagnato dai più noti brani di tutti i tempi: dalle arie d’opera – a partire dalla Regina della notte – alle serenate – come la Eine Kleine Nachtmusik (la Piccola serenata notturna). Un lavoro pensato per i più piccoli che saprà divertire anche le famiglie. In scena un baule, una sorta di scatola magica, uno scrigno segreto che custodisce la sua vita di fanciullo: immagini, suoni, musiche e personaggi saltano fuori e si diffondono in ogni direzione e…